A Roma, oggi, venerdì 4 maggio 2012, è stata una belle giornata di sole; eppure ho avuto freddo, freddo nelle ossa, freddo dentro. E non perchè non mi sono coperto. Ho cominciato ad avere freddo questa notte; dopo la mezzanotte… guarda caso. I brividi, la tristezza, la solitudine… la solitudine di chi vive lontano dal proprio amore. Un amore mai conosciuto di persona perchè non ero ancora nato; un amore compianto per ciò che ho appreso da mio padre, dai libri, dalla televisione. Un amore che spesso mi ha portato a fare delle scelte non troppo condivise da mia madre prima, e da mia moglie poi. Un amore che si chiama TORO…un amore che mi spinge di corsa a cercare su TN tutte le informazioni possibili, perchè, credetemi,  quaggiù, il calore del mio TORO, di Voi miei carissimi amici del TORO, purtroppo non c’è. Desidererei moltissimo scendere per strada andare al bar sotto casa mia e parlare del Toro, condividere gioie e dolori della nostra amatissima squadra. E allora mi rivolgo a Voi miei amati amici/fratelloni di fede granata e Vi dico il mio pensiero su questo 4 maggio e sulla prossima partita: Torino – Padova. Loro, i grandi, ci stanno guardando e stanno facendo, da lassù, il tifo per noi granata. Incitano tutti, società, giocatori e tifosi ma sempre con i Loro immensi valori: educazione, rispetto, amore… Pensate che possibilità grande abbiamo contro il Padova; ossia quella di far vedere che noi siamo di un altro "pianeta"; che noi siamo, si passionali e tifosissimi, ma, anche, sportivi e ospitali:… Pensate che bello sarebbe, da parte nostra, far vedere al Padova ed ai padovani tutti, uno stadio interamente gremito e vestito di granata, applaudire i giocatori del Padova appena scendono in campo e non fischiarli…
Io il calcio, lo vedo così… Sarò uno che vive fuori dal mondo… ma sono fiero di questi splendidi valori che mio padre mi ha insegnato…
FORZA  MIO AMATISSIMO TORO ma massimo rispetto e onore all’avversario.

Cordiali saluti

Luca Valentinotti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.