AUGURI
DI UN ANNO NUOVO
MIGLIORE DI QUELLO VECCHIO.

di Luciano Biondo

Sì, ma qual è quello vecchio? E quale quello nuovo?
 

Il tempo non è un parametro oggettivo. E’ una convenzione. L’umanità si
è messa d’accordo di far tutti finta che esso proceda in un certo modo e
che funzioni così per tutti. Se osi affermare che l’anno 2011 viene
prima del 2010, ti prendono per un pazzo (o per un poeta, il che è un
pazzo con qualche lettore in più). Ma sei sicuro che il 2011 è l’anno di
ciò che inizia e il 2010 è l’anno di ciò che finisce? E poi, non ci sono
cose che finiscono prima di cominciare? Non ci sono brevi attimi che
durano per sempre? Non ci sono secoli che un batter di ciglia può
distruggere?
 

La scienza l’ha scoperto da poco, anche se pazzi e poeti lo sapevano
già: il "prima" e il "dopo" sono concetti ancora oscuri. Sono convenzioni.

Mi sono recentemente trovato a soggiornare, causa necessità di
sostituire alcune "tubature" interne, nella saletta di terapia intensiva
di un ospedale. Lì, tutti hanno ben altro cui pensare e maggioranze e
convenzioni non hanno ‘sta grande importanza. Così ho potuto vedere come
scorre il tempo veramente, o come potrebbe scorrere: ogni persona, ogni
cosa ha il "suo" tempo personale, che procede a velocità valida solo per
esso. Ognuno segue il "suo" tempo, pur rispettando quello altrui.

Intanto, adesso sono ancora più in dubbio: quale sarà l’anno più nuovo?
Quale il più vecchio? Facciamo così: per te, il prossimo sia il migliore
dei due. Ti auguro anche che, senza bisogno di transitare per salette
tutto sommato poco piacevoli, tu possa trovare il tempo per riflettere
su tante cose importanti della vita, cui si finisce per non pensare mai.
Perché ci diciamo sempre:" prima o dopo ci penserò". Ma prima o dopo che cosa?

Diventa anche tu un poeta. Un abbraccio da Luciano Biondo.
www.sinestra.it

——————
Copyright 2010 Luciano Biondo, Milano.
Riproducibile a patto di indicare la fonte.
——————
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.