Qualche settimana fa avevo scritto a qualche amico (ndr tra cui noi):
 
Bella vittoria ieri! Ho visto gli highlights e mi sono piaciuti.
Ma il livello di guardia non deve mai essere abbassato.
Conosciamo i nostri "polli" vero? Non ci faremo mica prendere dell’euforia?
Quello che è (ad ora) certo è che piaccia o no Ventura ed il suo gioco, mi sembra di rivedere una squadra di calcio che vince con un gioco ben organizzato, fatto di tanta corsa e convinzione ed anche nella sconfitta, perde dignitosamente.

Se Ventura (che ha capito benissimo l’ambiente granata) riuscirà a scollarci via di dosso ancora qualche ruggine del recente passato, penso che torneremo ad essere il TORO.
Amen
Ciao a tutti Gianluca"
 
Ebbene, quelle cose riviste a distanza di appena 3 settimane sembrano già così lontane….!
Riscriverei tutto, tranne ovviamente riguardo al discorso del perdere dignitosamente.
Dopo la partita vs l’Atalanta eravamo alla vigilia di un trittico di partite che avrebbe dovuto (e ribadisco DOVUTO) mettere al sicuro la pratica salvezza. Non fosse altro per la portabilità degli scontri (Cagliari, Palermo e Parma).
Noi (NOI!) che ormai ci siamo dimenticati come ci si sente a vincere vs una big (mentre tutte le altre squadre del mondo in lotta retrocessione si tolgono la soddisfazione), perché i punti che servono tanto li dobbiamo fare con le squadre alla nostra portata, ecco, quelli stessi noi (NOI!) in 3 partite alla nostra portata si è fatto un punto (1!).
Ed ho maturato qualche dubbio sul concetto di sconfitta dignitosa.
Alla luce dei risultati di ieri, la classifica torna ad essere pericolosa e non dico altro!
 
Ah, ma non si diceva di "raggiungere al più presto l’obiettivo per poi toglierci delle soddisfazioni". Perché quando è successo??????
Che grandissima, enorme, stellare cazzata! Solo chi non conosce la storia recente del Torino, può credere a questa balla.
Lo dice la storia (rivedere almeno gli ultimi 30 campionati), il Torino senza obiettivi cala di brutto.
L’esempio delle stagioni 82/83 (dopo la famosa vittoria del derby in rimonta 3-2 solo sconfitte ed un pari con addio alla Uefa, già ma quell’anno l’obiettivo era la salvezza!) e 2001/2002 (dopo la vittoria di Verona con salvezza acquisita solo pari ed una sconfitta). Poi ci sono stagioni in cui si è finito mestamente perdendo in casa vs il Cagliari 0-5, vs il Foggia 1-4, vs il Ravenna in B 0-4, vs il Messina 1-3 sempre in B ed a Firenze 6-3.
 
Amiche ed amici granata, questa mail in sintesi è per raccomandarmi a voi di non fare mai scendere dalle spalle la carogna, perché è sempre meglio non fidarsi.
Mancano 8 punti a 40? Quanto ci fate che saranno gli 8 punti più lunghi della storia del calcio?
Ma se sarà salvezza, visto l’andazzo, sarà senza infamia e senza lode.
Ben felice di essere smentito!!
Scusate se penso di essere tifoso di una grande squadra.
 
Buona settimana a tutti!
 
Gianluca Garelli
 
 
 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.